Title Image

Tecar

Home  /  Tecar

Tecarterapia

La Tecarterapia, nota anche come Tecar, è un terapia elettromedicale, di competenza medica o fisioterapica, che trova particolare impiego nella cura delle patologie dell’apparato neuro-muscolo-scheletrico, sia esse traumatiche, post chirurgiche, riabilitative o infiammatorie.

La Tecar è un’apparecchiatura che produce un calore endogeno regolabile, cioè un calore che si sviluppa all’interno del tessuto che si desidera trattare. È infatti grazie al calore prodotto ed al passaggio di ioni attraverso i due elettrodi (manipolo attivo e piastra passiva), che la Tecar attiva un processo di guarigione dei tessuti grazie all’incremento del metabolismo locale.

Vi è un incremento cioè della vasodilatazione quindi del microcircolo, il che si traduce in una migliore vascolarizzazione locale, e conseguente effetto biologico riparativo dei tessuti.

Anche l’azione antidolorifica della Tecar è dovuta all’incremento del microcircolo, poichè esso induce un importante drenaggio localizzato. Le sostanze infiammatorie cioè saranno eliminate dal corretto metabolismo dei tessuti trattati.

La Tecar terapia quindi, a nostro parere, è di fondamentale importanza nel trattamento delle disfunzioni meccaniche in quanto i tessuti di tali zone si presentano sempre infiammati, contratti, congestionati, non della consistenza chimico-fisica ideale. Ed infatti sono dolenti. La consistenza di tali problemi è legata ovviamente anche all’età del problema. Un problema cronico (che supera i 3 mesi) presenterà tessuti maggiormente condizionati. La consistenza del problema, quindi condizionerà più o meno il paziente a “bloccare” la parte con l’inevitabile instaurarsi di processi metabolici rallentati. In pratica un circolo vizioso.

Una delle regole fondamentali su cui è fondata e basata la medicina Osteopatica infatti, definita “regola dell’arteria”, afferma che …”il sangue deve circolare liberamente attraverso i tessuti altrimenti sopraggiunge la malattia…”

Un’azione mirata alla restituzione della corretta funzionalità della parte interessata non può quindi iniziare senza un ripristino corretto della funzionalità dei tessuti. È questa la prima importante fase se desideriamo curare la parte. E la tecar terapia soddisfa incredibilmente questa azione.

La tecarterapia è un trattamento indolore e non invasivo, di biostimolazione profonda dei tessuti dell’organismo, che unisce all’azione manuale quella elettrica prodotta dalla tecar. Secondo l’indicazione medica e la valutazione del fisioterapista, il segmento corporeo da trattare viene posizionato tra due elettrodi, una fisso e uno mobile. La macchina genera tra questi elettrodi un campo elettromagnetico, che induce il movimento degli elettroliti nei tessuti biologici da trattare. Il movimento delle cariche biologiche stimola la perfusione sanguigna, la vasodilatazione locale, il drenaggio dei liquidi e l’aumento di temperatura, agendo positivamente sui processi infiammatori, l’ossigenazione locale e la rigenerazione dei tessuti. Combinando l’applicazione della macchina a diversi gradi di potenza con l’uso di tecniche manuali da parte del fisioterapista, il trattamento con tecar permette una netta e rapida riduzione del dolore, già dopo le prime sedute, e favorisce il recupero funzionale, agendo in maniera selettiva sulla parte trattata.

Quando si interviene? La tecarterapia è particolarmente efficace nel trattare:
• patologie del ginocchio: condropatia rotulea, distorsioni, gonartrosi, esiti di ricostruzione del legamento crociato anteriore e del legamento crociato posteriore;
• contratture muscolari, contusioni, strappi e stiramenti;
• mal di schiena: cervicalgie, dorsalgie, lombalgie;
• patologie della spalla: tendiniti e tendinopatie della cuffia dei rotatori, capsulite adesiva;
• patologie del gomito: epicondilite, epitrocleite;
• patologie della mano: tendiniti e tenosinoviti, rizartrosi;
• patologie dell’anca: coxartrosi, borsite trocanterica, pubalgia;
• patologie della caviglia e del piede: distorsioni, fascite plantare, tendine d’Achille.
La tecar viene inoltre utilizzata a scopi estetici, per migliorare l’effetto del massaggio linfodrenante e anticellulite (linfotecar)

Quando non può essere effettuata? La prestazione non può essere effettuata nelle donne in stato di gravidanza e nei pazienti con pacemaker o protesi metalliche locali.

Onde d’urto e Laserterapia

Che cos’è la terapia con le onde d’urto focali? La terapia con onde d’urto consiste nell’applicare onde acustiche ad alta energia, generate da una speciale apparecchiatura, direttamente sulla zona da trattare.  Le onde generano una pressione che dà effetti diversi a seconda della parte del corpo da trattare. Le onde d’urto aumentano l’afflusso di sangue nella zona trattata, e questo serve a rimuovere l’infiammazione. Anche i tessuti più sofferenti, come quelli colpiti da infiammazioni croniche, rispondono bene a questa terapia. Le onde d’urto di distinguono in focali e radiali, a seconda del principio fisico che le genera. La terapia non è invasiva.

Chi può sottoporsi a questa terapia? La terapia con onde d’urto focali è efficace nel trattamento delle patologie delle ossa, delle articolazioni e dei tendini, in particolare quelle patologie da sovraccarico tipiche degli sportivi, ma non solo. È utile in caso di ritardo nel consolidamento delle ossa, o in caso di pseudoartrosi, fratture da stress, capsuliti adesive, borsiti, tendinopatie inserzionali con o senza calcificazioni (periatrite scapolo-omerale, epicondilite, epitrocleite, ecc.), fascite plantare.

Qual è la procedura? Mentre il paziente rimane seduto o disteso sul lettino, il fisiatra appoggia, sulla parte da trattare, una membrana di gomma da cui vengono emesse le onde sonore.Per capire esattamente dove posizionare le onde, il paziente deve prima sottoporsi a indagini diagnostiche e indicare al medico la zona del corpo più dolorosa.  Il trattamento dura circa 10 minuti ed è, nella maggior parte dei casi, leggermente doloroso.Al termine del trattamento la persona può riprendere le normali attività.

Quali sono le alternative a questa terapia? Al posto del trattamento con onde d’urto focali è possibile sottoporsi ad altre terapie locali che sfruttano il calore o altre forme di energia, come ad esempio la laserterapia, gli ultrasuoni,TECAR terapia capacitiva-resistiva, TENSA. Altre possibilità di trattamento sono le INFILTRAZIONI locali (articolari o periarticolari) o l’intervento chirurgico.  Se si rinuncia a sottoporsi alla terapia con onde d’urto, il dolore permarrà e l’infiammazione continuerà a persistere e aumentare; a seconda della zona affetta il rischio più grave è la lesione del tendine. Trattamento laser per fisioterapia

Che cos’è il trattamento laser per la fisioterapia? Questo trattamento consiste nell’uso da parte del fisioterapista di un dispositivo laser che genera un fascio di luce (amplificazione della radiazione elettromagnetica). Quando il fascio viene direzionato verso il corpo umano agisce cedendogli una certa quantità di energia, con effetti biologici e terapeutici sulla zona interessata.

A che cosa serve? Gli effetti che si possono ottenere sono:
– effetto biostimolante: accelerazione della riparazione di muscoli, tendini, legamenti danneggiati o usurati;
– effetto antiflogistico e antiedemigeno: diminuzione dell’infiammazione e del gonfiore di articolazioni traumatizzate o degenerate;
– effetto antalgico: diminuzione del dolore articolare o muscolare.

A chi è rivolto? Il trattamento laser per fisioterapia è indicato a tutti quei pazienti che presentano i seguenti disturbi o patologie:
– patologie muscolari: strappi e contratture;
– patologie articolari: contusioni e distorsioni;
– artrosi:potente effetto nel diminuire il dolore;
– tendiniti: sia a livello degli arti superiori che degli arti inferiori.

Quali sono le possibili controindicazioni? Il trattamento laser per fisioterapia non presenta rischi, non è invasivo, è indolore e può essere combinato con altre terapie.

Come prepararsi? Non esiste una preparazione specifica per questo trattamento. Per prenotare è necessaria la prescrizione del medico di famiglia o di uno specialista.

Hai bisogno di informazioni?