Title Image

Sbiancamento dentale

Home  /  Sbiancamento dentale

Lo sbiancamento dentale è una procedura che permette di migliorare il colore dei denti, rendendoli più bianchi.

Può avvenire “in-office” (alla poltrona su denti vitali e non vitali), oppure al proprio domicilio.

Lo sbiancamento dentale non è un semplice trattamento “cosmetico”, ma viene utilizzato per risolvere discromie dentali dovute a patologie sistemiche o in seguito ad esiti di terapie con alcuni tipi di antibiotici (ad esempio, le tetracicline).

Lo sbiancamento funziona grazie alla liberazione di ossigeno da parte del perossido di idrogeno o di carbammide, nel momento in cui viene posto a contatto con lo smalto dei denti.

Queste molecole di ossigeno vanno a disgregare le molecole dei pigmenti responsabili della discromia e le rendono non più visibili.

Il bleaching “at-home” è la tecnica di sbiancamento che prevede l’uso di una mascherina, in cui si mette un gel di perossido di carbammide (a concentrazioni variabili a seconda dei casi), sotto la supervisione del medico dentista, da indossare mentre si dorme per circa 5 giorni.

Tra i vantaggi di questo trattamento vi sono la possibilità di controllare l’intensità dello sbiancamento e la possibilità di ripetere il trattamento a distanza di tempo con la stessa mascherina.

Di contro, lo sbiancamento domiciliare richiede una collaborazione attiva del paziente, che deve ricordarsi di indossare la mascherina ed i tempi sono leggermente più lunghi della terapia in studio.